SUPERBONUS 110%

NOVITÀ IN MATERIA DI DETRAZIONI PER
INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO,
SISMA BONUS, FOTOVOLTAICO E COLONNINE DI
RICARICA DI VEICOLI ELETTRICI

Il decreto Rilancio, nell’ambito delle misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19, ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici (cd. Superbonus).

Interventi in ambito di efficienza energetica

Il Superbonus spetta, a determinate condizioni, per le spese sostenute per interventi effettuati su parti comuni di edifici, su unità immobiliari funzionalmente
indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno, site all’interno di edifici plurifamiliari, nonché sulle singole unità immobiliari.
In particolare, ai sensi dell’articolo 119 del decreto Rilancio, le detrazioni più elevate sono riconosciute per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per le seguenti tipologie di interventi:

Interventi TRAINANTI

Per poter accedere al Superbonus 110% è necessario eseguire sull’immobile almeno un intervento cosiddetto “trainante”,  vediamo quali sono:

– Interventi di isolamento termico degli involucri edilizi

Si tratta di interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici, compresi quelli unifamiliari, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo o dell’unità immobiliare sita all’interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Per tali interventi il Superbonus è calcolato su un ammontare complessivo delle spese pari a:

50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari;
40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari;
30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità immobiliari.

– Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni

Si tratta degli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati destinati al riscaldamento, e/o al raffrescamento e/o alla produzione di acqua calda sanitaria. (ad esempio sostituzione degli impianti esistenti con: generatori di calore a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi, ecc…)

Per tali interventi il Superbonus è calcolato su un ammontare complessivo delle spese pari a:

20.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
15.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

– Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari

Il Superbonus spetta per interventi effettuati sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari, le quali siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Si tratta dei medesimi interventi agevolabili se realizzati sulle parti comuni degli edifici. (ad esempio sostituzione degli impianti esistenti con: generatori di calore a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi, ecc…)

La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 30.000 euro, per singola unità immobiliare.

Interventi TRAINATI

Il Superbonus 110% spetta anche per le spese sostenute per “ulteriori” interventi eseguiti congiuntamente con almeno uno degli interventi trainanti soprariportati.

Tali interventi prendono il nome di “trainati”,  ad esempio:

– Interventi di isolamento termico (se non ricompresi negli interventi trainanti)

– Sostituzione di impianto di climatizzazione invernale (se non ricompresa negli interventi trainanti)

– Installazione di impianti solari fotovoltaici ed eventuali sistemi di accumulo integrati

– Sostituzione di finestre comprensive di infissi

– Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda per usi domestici

– Installazione di schermature solari e/o chiusure tecniche mobili oscuranti

– Installazione di sistemi di building automation

– Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

Contattaci o compila il questionario
per scoprire se puoi usufruire del SUPERBONUS 110%